Svezia : tutti i numeri dei risultati (semi) definitivi

0

Mancano solamente 2 sezioni e i voti postali a decretare il risultato definitivo di queste elezioni, ma i numeri che vi proponiamo in grafica possono già essere considerati ai fini di un’analisi del risultato e degli scenari futuri.

I Socialdemocratici (CSX) chiudono col 28.4% (-2.8%) delle preferenze ottenute, mentre i suoi alleati, Verdi e Partito di Sinistra, rispettivamente il 4.3% (-2.4%) ed il 7.9% (+2.2%).

Il loro blocco, quello di centrosinistra, ottiene così il 40.6%.

L’Alleanza invece, coalizione di centrodestra, ottiene poco meno, il 40.3%.

Al suo intento troviamo il Partito Moderato (CDX) col 19.8%, ed il maggior calo fra i partiti rispetto alle precedenti elezioni col – 3.5%, ed i suoi alleati : il Partito di Centro con l’8.6% (+2.5%), i Cristiano-Democratici col 6.4% (+1.8%) ed i Liberali col 5.5% (+0.1%).

Unica forza politica fuori dai due blocchi sono i Democratici Svedesi, partito di destra ed euroscettico, che ha totalizzato invece il 17.6% e fatto segnare la maggior crescita fra i partiti guadagnando quasi 5 punti percentuali rispetto alle elezioni del 2013.

Sono invece complessivamente l’1.4% gli svedesi che hanno preferito votare per partiti minori o locali non presenti in grafica.

In termini di seggi invece i due blocchi di distanziano di un solo scranno.

Il blocco Rosso-Verde, coalizione di centrosinistra, ne ottiene infatti 144 grazie ai 101 dei Socialdemocratici, i 28 del partito di Sinistra ed ai 15 ottenuti dai Verdi.

Mentre l’Alleanza di centrodestra 143 : 70 per il Partito Moderato, 31 per il partito di Centro, 23 dei Cristiano-Democratici e infine i 19 dei Liberali.

Sono 63 invece i seggi ottenuti dal Partito di Destra SD.

Ricordiamo infine che per ottenere la maggioranza sono necessari 175 voti a favore, per cui sarà senza dubbio necessario un dialogo fra i due blocchi e fra tutti i partiti per inaugurare un nuovo governo, tranne nell’ipotesi in cui si vari un governo di minoranza. Senza il quale continuerà a restare in carica il governo del socialdemocratico Stefan Löfven.

CONDIVIDI