Okinawa, domani al voto su base militare americana

0

Il 24 Febbraio gli elettori della Prefettura di Okinawa (Giappone) saranno chiamati a votare in merito allo spostamento della base aerea degli U.S. Marines di Futenma presso un nuovo sito più ampio.
Il Primo Ministro Shinzo Abe ha già dichiarato al Parlamento che il referendum avrà solo valore consultivo e il governo procederà in ogni caso ai lavori.

I 1.16 milioni di elettori residenti nell’arcipelago tropicale avranno tre opzioni di voto:

  • Sì, approvo la rilocazione
  • No, mi oppongo
  • Nessuna delle due

È prevista una netta vittoria del “No”, con i sondaggi di Kyodo News e Asahi Shimbun che danno il “No” rispettivamente al 67.7% e 59%.

Il referendum è stato fortemente voluto da Denny Tamaki, il nuovo Governatore di Okinawa eletto lo scorso 30 Settembre.
Tamaki, figlio di una donna giapponese e di un soldato americano che la abbandonò prima che nascesse il figlio, ha vinto le elezioni governatoriali in quanto strenuo oppositore della presenza americana sull’isola, tema caro a molti okinawani.

Pur se consultivo, il referendum è seguito attentamente sia dal governo centrale che dagli Stati Uniti: il Giappone ospita circa 50.000 soldati americani di cui più di 26.000 sono ad Okinawa, il più grande contingente militare degli Stati Uniti nel mondo.