“Ho finito il mio lavoro, mi dimetto”

0

La storia che stiamo per raccontarvi potrebbe sembrarvi inventata ma è reale. Il Sindaco del comune valenciano di San Isidro, il socialista Damián Sabater, si è dimesso. Fin qui “tutto nella norma” si potrebbe dire, una delle centinaia di vicende politiche che caratterizzano una città.

A rendere del tutto insolita la faccenda è la notizia che il primo cittadino si è dimesso perchè ritiene di “aver completato il programma elettorale”.

Eletto nel 2015 dal Consiglio Comunale (6 consiglieri del PSOE, 2 del PP e 1 di Ciudadanos), sotto la sua amministrazione la cittadina di nemmeno 2.000 abitanti ha visto la costruzione di una palestra, l’installazione della fibra ottica e di pannelli solari per una piscina e la riqualificazione del cortile della scuola e del parco cittadino.

Sabater lascia al suo successore, Manuel Gil, un comune con un debito di 180.000 euro che sarà però azzerato nell’esercizio 2020-2021 a seguito dell’accordo con i suoi creditori. In ogni caso non abbandonerà la politica: collaborerà con la Segreteria del partito della Comarca sui temi di giustizia, diritti e libertà.

 

 

 

 

CONDIVIDI