Giappone, oggi l’abdicazione dell’Imperatore Akihito

0

Oggi 30 Aprile il Giappone darà il via alle cerimonie di abdicazione dell’Imperatore, la prima in 202 anni.
L’abdicazione dell’Imperatore Akihito, 85 anni ed al suo 31esimo anno di regno, verrà seguita il 1 Maggio dall’ascesa al Trono di Crisantemo di suo figlio Naruhito, 59 anni.

Akihito ha dichiarato ufficialmente nel 2016 la decisione di abdicare a causa della sua età avanzata e i suoi problemi di salute: l’anziano sovrano negli ultimi anni ha subito operazioni di bypass al cuore ed è stato ricoverato per una polmonite acuta.
Nonostante il sovrano avesse espresso intenzione di abdicare sin dal 2010, si è dovuto attendere il 2016 per ufficializzare il processo con un emendamento in Parlamento alla Legge sulla Casata Imperiale.

La costituzione giapponese in vigore, scritta durante l’occupazione statunitense dell’arcipelago dopo la Seconda Guerra Mondiale, priva infatti l’Imperatore di ogni potere sostanziale ed anche le questioni della famiglia imperiale sono regolate dal Parlamento.

Akihito è il primo Imperatore giapponese a ricoprire la carica senza poteri effettivi per tutta la durata del suo regno.
Suo padre Hirohito regnò durante la Seconda Guerra Mondiale, fu il primo imperatore a rivolgersi alla popolazione direttamente dopo i bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki e perse i propri poteri alla fine del conflitto, regnando come capo di Stato con ruolo simbolico di incarnazione dell’unità nazionale dal 1946 in poi.

La casa imperiale giapponese è la dinastia monarchica ereditaria più antica al mondo, con quasi 3000 anni di storia: fondata da Jimmu, imperatore leggendario del 660 a.C., è composta da 125 membri la cui esistenza storica è verificata sin dal 592 d.C.. Naruhito sarà il 126esimo imperatore.

L’abdicazione dell’Imperatore, molto frequente prima del 1800, non è invece mai più avvenuta dalla Restaurazione Meiji, durante la quale l’Imperatore si trasformò in un monarca a capo di uno stato moderno. L’ultima abdicazione avvenne nel 1817, anno in cui l’Imperatore Kokaku decise di lasciare il trono a suo figlio.

L’abdicazione inizierà alle ore 17 locali del 30 Aprile. 300 ospiti, inclusi tutti i ministri del governo in carica, ascolteranno una breve introduzione del Premier Abe seguito dal discorso dell’Imperatore Akihito.
L’Imperatore e i dignitari si sposteranno poi all’interno del Palazzo Imperiale a Tokyo per iniziare la vera cerimonia, che include un rituale in cui Akihito informerà i suoi antenati imperiali della sua scelta di abbandonare il trono.

Il 1 Maggio invece si svolgeranno le cerimonie di ascensione al Trono di Crisantemo di Naruhito, il nuovo imperatore, passo che segnerà anche l’inizio della nuova era giapponese chiamata Reiwa.