Elezioni in Friuli Venezia Giulia (ed Udine) – Tutto quello che serve sapere

0

Dopo l’elezione in Molise della scorsa settimana, domenica sarà il turno del Friuli Venezia Giulia.

Avremo a che fare quindi con un secondo banco di prova in cui le forze politiche misureranno i loro consensi da far valere sul tavolo delle trattative per il governo nazionale.

Ad essere eletti saranno il Presidente della Regione, che succederà a Debora Serracchiani (PD) eletta nel 2013, ed i 49 membri del consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia.

Al fine di analizzare al meglio i risultati dell’elezione di domenica in raffronto a quelli espressi lo scorso 4 marzo vi forniamo, come abbiamo fatto per il Molise, i risultati delle politiche limitatamente alle preferenze accordate dai cittadini del FVG:

RISULTATI ELEZIONI POLITICHE 2018 IN FVG (CAMERA DEI DEPUTATI)

Di seguito invece tutto quello che serve sapere su queste elezioni regionali:

SISTEMA ELETTORALE

E’ un proporzionale con premio di maggioranza che viene assegnato nella misura del 55% dei seggi al candidato presidente vincente con meno del 45% dei voti ottenuti, e del 60% se si supera quella percentuale.

La soglia di sbarramento è invece del 4% per le singole liste (o del 20% in una singola circoscrizione) e dell’1.5% per quelle inserite in coalizioni che hanno raccolto almeno il 15% dei consensi.

47 dei 49 seggi verranno eletti nelle cinque circoscrizioni della regione (9 seggi Trieste, 18 Udine, 12 Pordenone, 5 Gorizia e 3 Tolmezzo), mentre i restanti due scranni saranno occupati dal neo Presidente e dal secondo candidato alla carica più votato.

Una particolarità delle legge elettorale regionale riserva l’obbligatorietà del riconteggio delle schede qualora un gruppo di liste espressione della minoranza slovena non abbia ottenuto almeno un seggio.

E’ consentito il voto disgiunto, ogni elettore può votare quindi per un candidato alla presidenza della Regione e una lista a lui non collegata.

I CANDIDATI

Massimiliano Fedriga

Massimiliano Fedriga è il candidato del centrodestra, è sostenuto infatti oltre che dalla Lega, di cui è stato segretario provinciale a Trieste (2003), capogruppo alla camera (2014-2018) e dal 2014 segretario nazionale della Lega Nord Friuli Venezia Giulia, anche da Forza Italia, Fratelli d’Italia, ma anche dalle liste Autonomia Responsabile e Progetto FVG.

Nato a Verona il 2 luglio 1980 e laureato in Scienze della comunicazione, è iscritto alla lega dal 1995 con la quale, oltre a rappresentarla nei vari organismi interni sopra citati, è stato eletto per tre legislature alla Camera.

 

Sergio Bolzonello

Dopo la rinuncia alla ricandidatura del Presidente uscente Debora Serracchiani, la coalizione di centrosinistra, che conta oltre che il PD anche le liste Open Sinistra FVG (lista con al suo interno espressioni di Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista), Cittadini per Bolzonello Presidente e Slovenska Skupnost, ha scelto di puntare su Sergio Bolzonello.

58 anni, diplomato in ragioneria e vicepresidente uscente, oltre che assessore alle attività produttive, turismo e cooperazione della regione, per due volte ha inoltre rivestito la carica di sindaco di Pordenone (2001-2011).

 

Alessandro Fraleoni Morgera

Il Movimento 5 Stelle ha scelto invece Alessandro Fraleoni Morgera, 48enne ricercatore presso il dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Trieste.
E’ stato un militante di Alleanza Nazionale prima di entrare nel M5S nel 2012.

 

Sergio Cecotti

Patto per l’Autonomia, lista che vuole difendere e rilanciare la specialità del Friuli Venezia Giulia, punta tutto su Sergio Cecotti, laureato in Fisica nel 1979 all’Università di Pisa ha lavorato al CERN di Ginevra.
E’ stato eletto tra le fila della Lega Nord al consiglio regionale nel 1993 ed a sindaco di Udine nel 1998 e poi nel 2003. La sua candidatura è sostenuta anche dalla Federazione dei Verdi.

 

I SONDAGGI

Secondo il sondaggio più recente, effettuato da Swg, il candidato del centrodestra Fedriga avrà la meglio con ampio margine (47%-51%) sugli avversari.

A inseguirlo, anche se abbastanza distante, troviamo Bolzonello (CSX) con una percentuale di consensi fra il 26% ed il 30%, terza piazza invece per il candidato del M5S Morgera col 18-22%. Infine troviamo il candidato autonomista Ceccotti con meno del 5%.

ELEZIONI COMUNALI AD UDINE

Domenica in Friuli Venezia Giulia si voterà anche per l’elezione dei sindaci e dei consigli comunali in 19 Comuni, tra cui Udine e per la prima volta in Fiumicello Villa Vicentina (UD) e Treppo Ligosullo (UD), i due nuovi comuni istituiti nel 2018 nel Friuli Venezia Giulia.

Ad Udine si sceglierà quindi il sostituto di Furio Honsell (CSX), primo cittadino della città dal 2008 e dimessosi a causa dell’incompatibilità fra la carica e la candidatura al consiglio della Regione.

A contendersi la vittoria saranno Vincenzo Martines (CSX), Pietro Fontanini (CDX), Enrico Bertossi (Civico), Stefano Salmè (Civico), Pompea Maria Rosaria Capozzi (M5S), Andrea Valcic (Civico) e Luca Minestrelli (CPI).

Nel caso in cui nessuno dei candidati consegua la maggioranza dei voti domenica, allora si terrà un ballottaggio fra i primi due il prossimo 13 maggio.

CONDIVIDI