Elezioni Europee, tutte le liste ammesse ed i loro simboli

0

Sono 15 in totale le liste ammesse alle elezioni europee delle 44 che avevano presentato il proprio contrassegno al Viminale.

Nessuna, tra quelle ammesse, ha dovuto raccogliere le 150.000 firme necessarie (30.000 in ognuna delle cinque circoscrizioni elettorali). La legge infatti prevede che ne siano esentati i partiti aventi una rappresentanza parlamentare nell’attuale legislatura nazionale o europea, o che siano apparentati con uno dei partiti europei che hanno concorso a eleggere dei propri rappresentanti alle scorse elezioni.

L’esenzione è conseguenza di una sentenza della Cassazione del 2014, che riammise la lista di Green Italia – Verdi Europei (inizialmente esclusa dalle elezioni europee) in virtù dell’apparentamento con lo European Green Party. E così la maggior parte delle liste che troveranno posto sulle schede elettorali recano nel loro simbolo un riferimento (più o meno evidente) al partito europeo a cui sono affiliate.

Per molte di queste liste si tratta della prima volta alle elezioni europee, tra queste troviamo CasaPound Italia, il Partito Comunista e Il Popolo della Famiglia alleato con Alternativa Popolare, debutto anche per il Partito Pirata, il Partito Animalista e i Popolari per l’Italia.

Tra le liste “maggiori”, si segnala l’ingresso del Partito Repubblicano Italiano nelle liste di +Europa-Italia in Comune e l’alleanza tra Forza Italia e il Südtiroler Volkspartei.

Questi tutti i simboli quindi che ritroveremo sulla scheda elettorale: